Ambiente di Apprendimento

piramide

Educationalab è il progetto che intende realizzare un “ambiente” favorevole all’apprendimento in cui è sollecitata la fondamentale dinamica dell’imparare ad imparare attraverso percorsi formativi learning centred. I percorsi formativi colgono la dimensione integrale della personalità di colui che apprende (cognitiva, meta cognitiva, praticooperativa, affettivo – motivazionale, relazionale – sociale).

Le competenze  vengono condivise  in ambienti di apprendimento attenti alla sollecitazione  dei saperi naturali dello studente ed  offrono spazio al suo ruolo attivo e riflessivo nei processi di costruzione, co-costruzione, condivisione di conoscenza e significato. Il modello di apprendimento, presentato in questo progetto, intende proporre come una buona prassi nel contesto formativo e scolastico per promuovere nello studente la competenza intesa come “saper agire, reagire e co-agire pensando”.

Educationalab realizza contesti di apprendimento in cui viene facilitata l’interazione comunicativa fra diversi soggetti: alunni insegnanti, gli esperti, i facilitatori, il tutto con l’utilizzo delle tecnologie.

In tal senso la gamma delle tecnologie rivestono il ruolo di  “strumenti” che aiutano a formare.

L’ambiente  classe diventa knowledge-building community in cui tutti gli allievi sono impegnati in compiti autentici che incoraggiano l’interdipendenza nell’apprendimento efficace tra saperi formali, informali e non formali. l clima di cooperazione  è  supportato e sollecitato dall’utilizzo consapevole e intenzionale delle tecnologie, al fine sempre di  l’imparare a imparare. Il tutto rappresenta la chiave di volta per costruire la cittadinanza digitale, consapevole di una realtà in cui la tecnologia permea ogni ambito del quotidiano e riduce il digital divide, importante causa del knowledge divide.

 Social Learning, Knowlage Management, Cooperative Group Work, Gestione semantica delle informazioni, sono   strumenti indispensabili.

Il professore diventa il mediatore culturale che con l’utilizzo della tecnologia qualifica l’azione formativa  e ai  fruitori dello stesso ne valorizza le potenzialità per cui il Tempo Scuola si ampia, cosi come il Luogo Scuola si smaterializza creando la possibilità di accedere ai contenuti in locale o in remoto.

Fulcro dell’idea innovativa  sono i laboratori virtuali – on-line che permettono di  simulare ed eseguire  un qualsiasi esperimento. I sistemi informatici  avanzati permettono di osservare in tempo reale eventi naturali,  come la riproduzione di animali (con telecamere che osservano per esempio la schiusa delle uova)  o  l’osservazione di fenomeni astronomici attraverso il controllo a distanza di un telescopio.

La scienza sperimentale, cioè l’elaborazione di una ipotesi, la sperimentazione e l’osservazione di quanto accade viene esperito da ogni alunno.

Educationlab individua  nell’interazione un modo nuovo  di costruire l’apprendimento dinamico e coinvolgente che veicola i linguaggi usati dai nativi digitali nel quotidiano. E’  personalizzato perché attento ai bisogni e dunque ai tempi di apprendimento individuali ma  nel contempo ricco, strutturato, in-formativo per rendere ogni alunno capace di auto-in-formazione.

Egli è sempre più consapevole  e responsabile delle proprie inclinazioni e del proprio “stile cognitivo”, il tutto in un clima di cooperative-learning in cui il Docente continuerà ad avere un ruolo centrale.

 Le  caratteristiche di questo  “ambiente di apprendimento” sono:

  • In qualsiasi momento:  la possibilità di estendere il tempo scuola anche ad un ambiente domestico, per attività pomeridiane e serali  di esercitazione, revisione e consolidamento.
  • Dovunque: la possibilità di estendere il luogo scuola: musei, fiere, siti archeologici, luoghi di attività ricreative.
  • Disponibile a chiunque: possibilità per lo studente malato, a casa, in ospedale, o diversamente abile, di seguire le lezioni mediante webcam, di interagire con il docente e con i compagni di classe come se fosse presente in aula.

L’utilizzo delle tecnologie integrate con un nuovo ambiente di apprendimento, permetterà a tutti  la costruzione di una cittadinanza “digitale” consapevole.

Educationlab è il complesso risultato di conoscenze innovative unite alla consapevolezza che una  didattica supportata dalle nuove tecnologie conserva una fondamentale opzione  pedagogica:  l’esigenza del “costruttivismo” della conoscenza. E’ questa sfida che la scuola del XXI secolo deve raccogliere.

In tal senso la rivoluzione digitale, i libri di testo  multimediali e interattivi, editabili, la possibilità per gli alunni di interagire  con il testo stessosingolarmente o in cooperative group work, non elimina ma anzi sottolinea la funzione essenziale  del professore che  diventa il regista,  in un contesto di scambio di informazioni in cui l’efficacia comunicativa e la verifica della qualità dell’apprendimento sono da lui rilevate e monitorate.

La logica dell’insegnamento, teaching centered, viene sostituita dall’apprendimento, learning centred, ed il docente non è colui che dispensa un sapere astratto e decontestualizzato ma colui che “attiva”   nel soggetto la sua “intenzionalità” conoscitiva, proprio grazie al supporto delle nuove tecnologie.

Per questo motivo una parte importante del Progetto è dedicato alla formazione del Docente che deve acquisire una metodologia per  individuare e  qualificare  tutti i comportamenti che promuovono il contesto di apprendimento che sarà sempre maggiormente cooperativo, al fine di riconoscere le eventuali distorsioni che sono necessarie  eliminare o recuperare in itinere, per la costruzione di un efficace  percorso di “apprendimento”.

Educationalab,  è quindi un insieme unico di tutte queste parti con l’intento di creare un trade union tra: 

  • Metodo, Ambiente di apprendimento, Strumenti utilizzati, Soggetti.

IL NOSTRO AMBIENTE DI APPRENDIMENTO INTEGRA applicativi per la didattica collaborativa e multimediale: Dispense, unità didattiche, video lezioni, oggetti di apprendimento, ed allegare od ognuno la prova di valutazione. I risultati ottenuti dagli studenti confluiscono nel registro elettronico definendo gradualmente anche l’Euro portfolio.

GIF